Monta da lavoro

Questa disciplina ha lo scopo di promuovere le varie tipologie di monte da lavoro praticate in Italia.
Sono considerate Monte da lavoro:

  • La monta Maremmana
  • La monta Western
  • La monta Camarguese (Delta)
  • La doma Vaquera
  • La monta Campesinos
  • La monta Bardigiana
  • La monta Tolfetana
  • La monta Murgese
  • La monta Sarda
  • La monta S.Fratellana
  • La monta Siciliana
  • La monta Haflinger
  • La monta Araba
  • La monta Inglese
  • La monta Napolitana

Le prove di gara

Attitudine
E' una gara non a tempo. Il cavaliere dovrà eseguire il percorso e superarne i relativi ostacoli cercando di ottenere il massimo punteggio da parte della Giuria.
La prova di attitudine deve mettere in risalto la fluidità dei movimenti, la regolarità dell'andatura e la precisione dell'esecuzione delle difficoltà previste. Quindi cadenze eccessive, partenze repentine o soste troppo lunghe che interrompono la regolarità e fluidità della prova saranno fortemente penalizzate.
Addestramento
E' una gara non a tempo. Si svolge in un rettangolo delle misure di 20 x 40 che potrà essere delimitato con normale recinzione. Le figure richieste sono specificate nelle riprese.
Nella gara di addestramento è fatto assoluto divieto di usare le protezioni agli arti. E' consentito solo l'uso di un normale cinturino di cuoio (come già specificato) quale chiudi-bocca, visto il normale uso del medesimo nella monta da lavoro a livello internazionale.
E' consentito l'uso degli speroni di varia tipologia.
I Giudici di gara, coadiuvati da un assistente che provvederà a trascrivere negli appositi moduli prestampati, dovranno valutare, prima dell'inizio il rispetto della bardatura scelta dal cavaliere, potrà quindi ammettere il cavaliere, o accettano con riserva per espletare successive verifiche, o addirittura non accettano per inadempienze a quanto previsto dal regolamento.
I Giudici dovranno valutare i movimenti del concorrente.
Gimkana 
E' una gara a tempo. Il cavaliere dovrà eseguire il percorso e superarne i relativi ostacoli nel più breve tempo possibile.
Sbrancamento
E' una gara a tempo. Il cavaliere dovrà entrare in campo e dal momento del superamento del cancello dispone di 45" per iniziare la prova che sarà il superamento della linea bianca che lo introduce nella metà campo dove sono posti i vitelli. Dal momento che verrà attraversata la linea bianca partirà il tempo previsto di 90" per selezionare e sbrancare il vitello assegnato e portarlo dalla parte opposta, o meglio al di là della linea bianca.

Referente Nazionale - Ernesto Fontetrosciani
cell: 3358388957
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Monta da lavoro veloce - gimkana

L’obiettivo di questa specialità è di esaltare la capacità del cavallo e del cavaliere in termini di velocità, precisione, stile, coordinazione e regolarità nell’affrontare qualunque ostacolo che rappresenti difficoltà le quali possono essere incontrate nel lavoro con il cavallo.
La FITETREC ANTE, oltre alla prova di gimkana all’interno del completo della Monta da Lavoro, organizza campionati solo nella specialità della gimkana.

Monta da lavoro sincronizzata

Lo scopo di questa disciplina è di avvicinare al mondo dell’equitazione tutti quei binomi(cavallo, cavaliere) che credono in un lavoro di gruppo e di avvicinare questo nobile Animale ad un lavoro divertente su base musicale, la socializzazione con altri suoi simili.
Da non sottovalutare è l’aspetto sociale per tutti quei cavalieri e amazzoni che in questa disciplina hanno la possibilità di mettersi in gioco più facilmente, poiché motivati da altri elementi del gruppo. Ulteriore pregio di questa disciplina è lo studio e la conoscenza delle regole concernenti il lavoro della scuola di equitazione svolta nel rettangolo o nella cavallerizza.

Referente Nazionale - Alessandro Silvestri
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Responsabile di Disciplina- Alessandro Silvestri
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Monta storica

La monta da lavoro storica prevede che si organizzi nei centri affiliati/aggregati, o in area autorizzata che ha il patrocinio e/o collaborazione del proprio comune o ente locale, nel rispetto delle normative previste dai regolamenti FITETREC ANTE, gare con lancia o pugnale o asta atte a rievocare storicamente fatti o gesta di un territorio, con lo scopo di promuovere un flusso turistico attraverso l’uso del cavallo.
Sono previste diverse tipologie di competizione tra cui le più note sono:

  • Corse all’anello
  • Assalto al buratto
  • Giochi popolari
  • Quintane
  • Colpire un bersaglio
  • Palio

La Monta da Lavoro Storica è una vera e propria competizione tra tutti i tesserati della FITETREC ANTE ed ha lo scopo di mettere in risalto il mondo ai più sconosciuto della equitazione spettacolare e rievocativa, che oggi in Italia si realizza attraverso la miriade di eventi in ogni regione.
Molti nostri tesserati svolgono nei loro comuni di origine questo tipo di attività, che ha lo scopo di rilanciare l’aspetto turistico del proprio luogo.La monta da lavoro tradizionale oggi conosciuta come metodo di addestramento del binomio nella quotidiana attività del controllo del bestiame, che trae origini che si perdono nella notte dei tempi e l’antica arte del giostrare come mezzo di sostentamento per se e per i propri commilitoni anticamente praticato prima in modo cruento e poi man mano in modo cortese, hanno un unico comune denominatore : “Il cavaliere in simbiosi con il proprio cavallo per raggiungere il massimo della perfezione del gesto che garantiva la sopravvivenza dell’uomo in passato ed oggi garantisce la sopravvivenza della tradizione”. Oggi attraverso la Monta da Lavoro Storica si vuole coniugare l’abilità e la precisione che i cavalieri con i loro destrieri possono dimostrare in un percorso molto tecnico che ha la presunzione di essere l’unico a saper far confluire in una unica prova una molteplicità di specializzazioni.

Responsabile Nazionale - Roberto Cinquegrana
cell: 3396863150
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Monta tradizionale maremmana

L’idea di creare un Campionato di Monta Tradizionale Maremmana nasce dalla sentita volontà di mantenere e promuovere la più profonda e peculiare tradizione equestre di questo territorio.
Esso è stato fortemente voluto dall’”Associazione per la Tutela della Monta Tradizionale Maremmana” e dall’”ANAM Associazione Nazionale Allevatori Cavallo Maremmano che hanno avvertito la necessità di condividere con altre persone la straordinaria cultura maremmana, fatta di valori ed emozioni ancora molto sentiti da giovani ragazzi, che hanno scelto di rivivere le situazioni e l’atmosfera dei loro antenati.
Forti dell’insegnamento tramandato da generazioni di vecchi uomini di mestiere, come nonni, padri ed altri ancora, essi si cimentano con orgoglio nel duro lavoro che ha caratterizzato gli instancabili cavalcanti della loro Maremma: i Butteri.
“L’Associazione per la Tutela della Monta Tradizionale Maremmana” intende quindi organizzare manifestazioni che prevedano prove che riproducano le particolari difficoltà che i butteri a cavallo quotidianamente superavano nello svolgimento del loro lavoro, ma vuole anche dimostrare e valorizzare le qualità del cavallo di razza maremmana nello svolgimento del lavoro in campagna del buttero ed incrementarne la diffusione presso gli appassionati di cavalli o sport equestri.
La FITETREC ANTE ha fatto propri i valori promossi dall’ Associazione e ha deliberato di rendere la Monta Tradizionale disciplina sperimentale FITETREC ANTE.

Referente Nazionale - Franco Amadio
cell: 3358435061
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.