Memorial Tettamanzi cross Country tra emozioni e gesto atletico

Mercoledì, 31 Maggio 2017 23:14

In un 28 maggio dall’insolito sapore molto più ferragostano che primaverile, il Campionato Interregionale di Cross Country FITETREC-ANTE è giunto a metà strada. La sua terza tappa, svoltasi presso il campo cross di Chiari (BS), era anche valida per i Campionati del Veneto e dell’Emilia Romagna, ed è stata realmente una grande festa dello sport e del divertimento, in un tripudio di bellezze equine tra purosangue inglesi, arabi, frisoni, haflinger…! Il record di caldo (33°C!) fuori stagione non ha spaventato i concorrenti che hanno anch’essi fatto registrare un record di presenze: 62 i binomi partenti, la metà esatta dei quali nella Categoria Avviamento A, e si sono registrati ancora una volta numerosi esordi.
Nella Categoria cadetta Avviamento A la vittoria è andata all’amazzone Anna Lorenzi, su Cartoon, della Lombardia, che ha concluso il suo percorso in 3.06.533; alle sue spalle, per pochissimi centesimi, si è piazzato il concorrente del Veneto Gianfranco Dalla Riva, con Donna Chérie; sul podio anche il giovanissimo piemontese Emanuele Castagno, sul suo Cabirio, che gara dopo gara continua a mietere successi e punti, tanto da dominare anche la classifica generale (235 p.), davanti al coetaneo Pietro Castagno Fossati e alla stessa Anna Lorenzi (rispettivamente a 175 e 174 p.).
L’Avviamento B si svolgeva su un impegnativo tracciato di 1600 metri con 12 ostacoli. Il percorso ha mietuto numerose “vittime” (vittime di… penalità!) ma non ha spaventato il giovane Andrea Bettin, su Magica Kindank, dal Veneto, che ha sfoderato tutta la sua classe ed è andato a trionfare per la terza volta consecutiva! Al secondo posto: la
rivelazione Eloisa Cempella, alla sua seconda gara di cross, con il suo purosangue Sentimento d’Arcadia, per la Lombardia. Terzo: Luca Vicentin, Veneto, su Conte Grubesh. In classifica generale, dietro ad Andrea Bettin troviamo Michael Giro (Veneto) a 150 punti e la bravissima Alessandra Franini (Lombardia) che con Sinead nella gara odierna è giunta 5ª ed ha raggiunto un totale di 149 punti.
 Il percorso della Categoria F di Regolarità era di 2000 metri, con 15 ostacoli, molto bello ma anche insidioso… Dodici i concorrenti, ognuno dei quali ha adottato una tattica di gara personale. Alla fine quella che ha pagato di più è stata quella di Attilio Trebeschi, noto a tutti come “Mister cronometro”, che non ha voluto smentirsi in sella a Grande Mago.  Una gara straordinaria con un tempo straordinario che si è scostato di soli 64 centesimi dal tempo ideale!
Bisogna riconoscere che comunque questa categoria è costellata di eccellenti cavalieri e amazzoni, che si danno sempre gran battaglia sul filo dei centesimi, tant’è che i primi quattro classificati (tutti lombardi) sono racchiusi in poco più di 8 decimi: sul secondo gradino del podio troviamo infatti Simone Raineri, sull’inseparabile Guelfo Bet, con uno scarto di +0”230, e sul terzo Maurizio Battistello con Olivas, a -0”757; quarto ancora Maurizio con Jean a -0”880. La situazione generale dopo 3 tappe vede Maurizio Battistello occupare primo e secondo posto, mentre al terzo è saldamente insediata Camilla Roggio (Veneto) sul suo Dardanos IV.
La Categoria Top D di Regolarità ha visto il gradito ritorno alle competizioni di Daniele Donadoni, ed è stato subito un ritorno col botto in sella a William Conqueror: un nome, un programma, e con un percorso (2600 metri e 20 ostacoli) praticamente perfetto si è aggiudicato i 100 punti di giornata lasciandosi alle spalle Cristian Fasana su Top Segret e Claudiano Patelli su Ti Parlo, rispettivamente secondo e terzo. Lo stesso trio di campioni lombardi guida anche la classifica generale.
La tappa odierna era dedicata al grande Renzo Tettamanzi, scomparso due anni fa: un grande uomo di cultura ed esperienza, una persona molto sensibile che ha dedicato la vita all’equitazione di campagna, costruendo la storia in questa disciplina, e in grado con molta umiltà di far crescere la nuova generazione e lasciare una preziosissima eredità  per i futuri campioni.